Fabio Pedretti / Gardone Val Trompia

Il dramma di Fabio, morto nel giorno del suo compleanno: "Un dolore infinito"

La tragedia che scuote la Valtrompia

E' morto il giorno del suo compleanno il 24enne Fabio Pedretti: sabato sera stava partecipando al trail running “L'Uno di Monticelli”, gara in notturna di 27 km alla sua ottava edizione, quando si è accasciato a terra, colto da un improvviso malore. Rianimato a lungo, è stato trasferito in ospedale in condizioni disperate, e morirà poco più tardi. La magistratura ha disposto ulteriori accertamenti sulla salma prima di dare il nulla osta alla sepoltura. Abitava a Gardone Valtrompia, dove lascia gli amati genitori, i parenti e gli amici.

La cronaca del dramma

Il dramma si è consumato a Monticelli Brusati poco dopo le 20, dopo che Fabio aveva già percorso più di 20 km di gara. A detta di chi ha assistito alla scena, il 24enne si sarebbe accasciato a terra all'improvviso, senza respiro. Sono stati alcuni compagni di squadra – correva per la New Athletics Sulzano – a tentare di rianimarlo, con massaggio cardiaco e respirazione bocca a bocca, supportati da un medico che in quel momento era in gara. Nel frattempo è stato allertato il 112, che ha inviato sul posto i sanitari.

Purtroppo la zona era impervia, e sia l'ambulanza che l'auto della Protezione civile – intervenuta a supporto – si sono dovute fermare a qualche centinaio di metri di distanza. Medici e infermieri sono arrivati a piedi, sono intervenuti con il defibrillatore e per qualche attimo si è riaccesa la speranza: quando Fabio è stato caricato sull'ambulanza era ancora vivo, trasferito d'urgenza all'ospedale di Ome. Erano circa le 22: meno di un paio d'ore più tardi e purtroppo è stata confermata la triste notizia.

Il ricordo degli amici sportivi

Grande appassionato di sport, dopo aver giocato a calcio da almeno tre anni si era dedicato al running. La salma, come detto, è a disposizione dell'autorità giudiziaria per ulteriori approfondimenti. Tantissimi i messaggi di cordoglio. “Purtroppo Fabio non ce l'ha fatta a vincere la gara più importante – fa sapere la New Athletics Sulzano – Nonostante fosse allenato, con tutte le visite mediche fatte, il cuore di Fabio ha smesso di battere e non si è più ripreso. Tempestivo l'intervento da parte dei compagni di gara e degli organi competenti, ma il destino aveva per lui già deciso. Siamo vicini alla famiglia in questa incomprensibile tragedia”.

“Senza parole e senza fiato – scrive invece l'Ac Valtrompia – Ti sei fermato e il mondo continua a girare. Non diremo del tuo sorriso, non del tuo entusiasmo e neanche della tua voglia di vivere. Diremo di quello che passiamo imparare noi. Della fragilità di ogni vita, del mistero di chi se ne va e del vuoto di chi rimane. Diremo della nostra colpa quando vivremo senza amore, perché sarà un affronto anche verso di te. Non potremo mai sapere e capire l'atrocità che lasci dentro chi ti ha vissuto, non pretenderemo di farlo: ci si può augurare solo un attimo di distratto sollievo nel ricordarti, quando la tempesta sarà meno fitta nel battere sull'infinito dolore”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il dramma di Fabio, morto nel giorno del suo compleanno: "Un dolore infinito"
BresciaToday è in caricamento