Malato di leucemia e bloccato in Marocco: l’odissea di Fabio Begni

Bloccato da due settimane in Marocco, colpito da un grave attacco di leucemia fulminante e senza soldi per rientrare a casa. Organizzata una campagna di raccolta fondi

Fabio Begni

L’odissea di Fabio Begni, 49enne originario di Roncadelle, da settimane in attesa di rientrare in Italia con un’aeroambulanza in partenza da Casablanca, dov'è attualmente bloccato con la moglie Fadila e la figlia Sara.

E’ successo tutto in fretta: il 21 ottobre scorso Fabio ha raggiunto il Marocco, per ‘recuperare’ moglie e figlia. Da tempo le due non tornavano in ‘patria’, a causa di problemi economici e mancanza di lavoro, e i soldi per il biglietto che proprio non si trovavano. Solo da qualche mese infatti Fabio si era trovato un’occupazione, come vigilante in un cantiere. Moglie e figlia erano già in Marocco da tre settimane, alla prima occasione Fabio le ha raggiunte, per poi riportarle in Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pochi giorni dopo il suo arrivo però è stato colpito da un grave attacco di leucemia fulminante, e costretto ad un ricovero d’urgenza nell’ospedale di Tetouan. Da qui la campagna di raccolta fondi, lanciata in Italia e da un’apposita pagina Facebook, "Uniti per Fabio", per permettere allo sfortunato Fabio di fare ritorno a casa, per farsi curare. I problemi - infatti - sono tutti economici: un viaggio in aeroambulanza non costa meno di 20mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Strade sommerse da un'incredibile grandinata: servono le ruspe per liberarle

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Violenta rissa, ragazzino picchiato e lasciato ferito in mezzo alla strada

  • Drammatico schianto frontale nella notte: morte due ragazze

Torna su
BresciaToday è in caricamento