Cronaca

Evadono al fisco 2,5 milioni di euro: nei guai 4 dentisti bresciani

Blitz della Guardia di Finanza in quattro studi della bassa e dell'ovest bresciano: beccati dentisti di Chiari, Cortefranca, Orzinuovi e Rovato. Hanno nascosto al fisco quasi 2.5 milioni di euro, oltre 600mila a testa

Quattro dentisti per quattro diversi studi nell’ovest e nella bassa. A Chiari e Cortefranca, a Orzinuovi e a Rovato. Hanno nascosto al fisco per anni, forse per decenni, i lauti incassi della loro attività lavorativa: in tutto quasi due milioni e mezzo di euro, una cosa come 600mila euro a testa. Soldi ‘rubati’ all’erario, e che fino a ieri non sembravano esistere. Frutto di un lavoro nero sommerso davvero, e ‘rivelato’ dai controlli incrociati della Guardia di Finanza.

A far scattare le indagini una evidente discrepanza tra quanto dichiarato e quanto effettivamente speso. Un tenore di vita fuori dal normale: auto di lusso, ville sontuose, vacanze lunghe estati intere, in resort di lusso e a prezzi stratosferici. Quando invece la dichiarazione dei redditi dei quattro ‘furbetti’ oscillava tra i 30mila e i 100mila euro all’anno, tra i 2500 e gli 8000 euro al mese.

Non poco, comunque. Ma rispetto alle uscite cifre ancora irrisorie. Ai clienti offrivano ‘prestazioni’ scontate, ovviamente in nero. Oppure fatturazioni a metà, soprattutto per quel che riguardava i grandi investimenti. Una vita fiscale alla luce del sole, un’altra nascosta.

Gli uomini della Guardia di Finanza di Chiari in due casi su quattro hanno infatti perfino scoperto dei veri e propri archivi paralleli, dove veniva registrato tutto il ‘nero’, tutte le fatture mai emesse. Archivi corposi e ‘ricchi’ di nomi, nascosti negli scantinati degli studi, oppure sotto casa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evadono al fisco 2,5 milioni di euro: nei guai 4 dentisti bresciani

BresciaToday è in caricamento