Fatture false per mezzo miliardo di euro: tutti i nomi dei 22 arrestati

Avvocati, commercialisti, politici e imprenditori: ecco tutti i volti (noti e meno noti) della maxi-inchiesta da 85 indagati e 22 arresti

Foto d'archivio

Volti ben noti e altri un po' meno, insospettabili professionisti, avvocati e commercialisti, politici e incensurati, qualcun altro già finito nei guai con la giustizia: è questo il quadro articolato che va a comporre il gruppo dei 22 soggetti che sono stati arrestati in queste ore dalla Guardia di Finanza di Brescia, in collaborazione con lo Scico di Roma, nell'ambito della maxi-inchiesta “Evasione continua” che ha permesso di smascherare un giro d'affari da mezzo miliardo di euro di false fatture, e un'evasione fiscale di oltre 80 milioni. Le indagini sono state coordinate dai magistrati Claudia Passalacqua e Carlo Nocerino.

Come riferito in conferenza stampa, tutto sarebbe partito dalla denuncia del commercialista Mauro Rigamonti, ora in carcere a seguito di un'altra inchiesta, che avrebbe raccontato nel dettaglio i meccanismi del “laboratorio” in cui venivano confezionate le false fatture. Le indagini e gli accertamenti, proseguiti per oltre un anno e mezzo, hanno portato alla chiusura dell'inchiesta con 85 indagati, tra cui più di 40 bresciani, e 22 arresti.

I nomi dei 22 arrestati

Nell'elenco dei sottoposti a misura cautelare (tra carcere e domiciliari) c'è la commercialista Stefania Franzoni, insieme a Massimo Battezzi e Sandro Monteleone considerati al vertice dell'organizzazione, e i colleghi Roberto Guerini e Krisztina Kadar, gli avvocati Francesco Alimondi, Alessandro Bitonti e Roberto Golda Perini, l'ex consigliere comunale della Lega (e oggi militante di Fratelli d'Italia) Alessandro Bizzaro, che è ai domiciliari, e poi Patrizia Bilacchi, Elena Cancarini, Salvatore Cappiello, Daniele Degni, Andrea Giovita, Giuseppe Gorini, Pierantonio Prior e Pietro Rossini, tutti in carcere, e Giuseppe Bertone, Salvatore Battaglia e Ettore Trepiccione ai domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono tutti accusati di associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale e al riciclaggio: nella pratica, l'organizzazione offriva servizi tributari illeciti, attraverso centinaia di società di comodo (italiane e straniere) e prestanomi. Lo scopo era quello di “produrre” crediti fittizi da utilizzare indebitamente in compensazione, e di fatture per operazioni inesistenti. Tali “servizi” sarebbero poi stati venuti attraverso una vera e propria rete di distribuzione. Come detto, un affare da mezzo miliardo di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento