Dal Garda alla Bassa, il sorprendente ritorno delle lucciole

Avvistamenti in ordine sparso, anche nei giorni di un'estate anticipate: dalla Bassa Bresciana al lago di Garda, il gradito ritorno dei coleotteri luminosi, le lucciole

Foto: Claudio Ciseria - www.claudiociseria.it

La Bassa Bresciana riscopre la magia delle lucciole. I coleotteri luminosi che parevano da tempo scomparsi, e che invece con l’anticipo dell’estate sono improvvisamente tornate ad occupare i prati e i vasti campi delle pianure più a ‘sud’.

Forse qualcosa di miracoloso: le lucciole in fondo altro non erano che il simbolo di una natura che resiste. Un simbolo sempre più affievolito negli anni, e che ora sembra riprendersi ciò che gli spetta, anche (o soprattutto) grazie all'utilizzo di pesticidi meno aggressivi e al periodo di semina anticipato rispetto agli scorsi anni.

Non mancano altri avvistamenti vari, nel bresciano, perfino sul lago di Garda. Oltre alle più classiche ‘location’ lombarde, dove l’erba è alta è le strade sono tutte piane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento