menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fonte: Wikipedia - Foto: Luca Giarelli

Fonte: Wikipedia - Foto: Luca Giarelli

Esine: attacco sacrilego in chiesa, decapitata la statua del papa

Vandali in azione nella notte di sabato, nella piccola frazione di Sacca di Esine: viene decapitata la statua di papa Francesco, imbrattato il viso della Madonna. Ma don Redento avrebbe già individuato i responsabili

Una preghiera per i vandali, affinché siano pentiti. Lo chiede don Redento TIgnosini, il prete della piccola parrocchia di Sacca, frazione di Esine, dove a cavallo tra sabato e domenica ignoti vandali hanno preso di mira le statue di papa Francesco e della Madonna, proprio all’ingresso della chiesa.

Nel primo caso, la statua in gesso che raffigurava il papa argentino è stata letteralmente decapitata, con la testa poi probabilmente frantumata a calci. Sfigurata anche la raffigurazione della Madonna: sul suo volto i segni di colpi più volte ripetuti, e il viso tutto imbrattato.

Come arma da ‘fuoco’ i giovani vandali avrebbero utilizzato i kiwi recuperati da una cassetta rimasta sul tavolo esterno al sagrato della chiesa, e che qualcuno avrebbe dimenticato. Dopo aver esaurito le ‘munizioni’, si sarebbero poi scatenati con mazze e spranghe, per finire con pugni e calci.

Don Redento ancora non si sbilancia ufficialmente. Ma avrebbe già individuato i responsabili del sacrilegio: giovani smarriti, e che più volte lo stesso parroco avrebbe cercato di avvicinare alla chiesa. Senza mai davvero riuscirci. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento