Aspirante suicida già col cappio al collo: i carabinieri lo salvano sollevandolo di peso

Grazie alla tempestività dell’intervento, due agenti hanno salvato la vita a un uomo che si è lasciato andare con la testa infilata in un cappio.

Immagine di repertorio

Sangue freddo e tempestività: due carabinieri della stazione di Esine, in Valle Camonica, hanno salvato la vita a un aspirante suicida deciso a farla finita nella sua camera da letto. 

Le forze dell’ordine per ovvie ragioni non hanno voluto specificare le generalità dell’uomo, nè il paese di residenza, in media Valle Camonica. Chiamati sul posto dai familiari dell’uomo, l’hanno trovato in camera da letto. Dopo aver fissato un cavo elettrico al soffitto, l’aspirante suicida non ha esitato ad inserire nel cappio la testa, e si è lasciato cadere. 

Per salvarlo, gli agenti l’hanno sollevato di peso ed hanno tagliato il cavo. Trasportato da un’ambulanza presso l’ospedale di Esine, l’uomo non è in pericolo di vita. Restano da appurare le motivazioni che l’hanno spinto al tragico gesto. 

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Pannelli fotovoltaici a Brescia: come funzionano e quali sono i vantaggi

  • Alla scoperta del Sentiero delle Grotte, gioiello nascosto del Lago d'Iseo

I più letti della settimana

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

  • Ragazzo di 16 anni gravissimo dopo un tuffo: trauma spinale, rischia la paralisi

  • Esce dalla villa per andare in edicola, imprenditore travolto e ucciso da una moto

  • Bambina bresciana sparisce in spiaggia, incubo per mamma e papà

  • Lui è in gravi condizioni, rischia di morire: marito e moglie sposi in ospedale

Torna su
BresciaToday è in caricamento