Erbusco, nonni sulle barricate: «Bocce la sera o sciopero della fame»

Scontro tra Associazione Pensionati e Comune sulla gestione dei centri anziani: nonostante le numerose richieste, l'amministrazione non ne vuole sapere di concedere l'apertura serale dalle 20.30 alle 23

I nonni di Erbusco sul piede di guerra contro l’amministrazione comunale. Ormai sono pronti a tutto per far valere le proprie ragioni, anche allo sciopero della fame.

La mela della discordia è l’orario di apertura dei centri anziani. Infatti, nonostante le serate si siano allungate e sia arrivata (per modo di dire) la bella stagione, il Comune non ne vuole sapere di concedere l’apertura serale ai tre centri di Erbusco, Villa e Zocco.

Alle 18 e 30 saracinesche abbassate e tutti a casa al “cinema bianchini”, come si diceva una volta. Inutile sottolineare la rabbia di nonni e vecchietti, incalliti professionisti di bocce e scoponi scientifici.

I rappresentanti dell’Associazione Pensionati chiedono l’apertura dalle 20.30 alle 23, ma l’intesa con la giunta Nodari è ancora lontana.

Il sindaco pretende – per concedere l’autorizzazione – che i tre centri si iscrivano al registro comunale delle associazioni, mentre per i pensionati è già più che sufficiente l’adesione all’albo della Provincia di Brescia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domani è prevista una nuova riunione per cercar di sbloccare la situazione. Di fronte a un nuovo rifiuto, si parla già di sciopero della fame;  quello della sete – stranamente – non è stato nemmeno preso in considerazione: gli amati “bianchì” sono salvi. Lungo sospiro di sollievo dai gestori dei bar.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Si butta dalla finestra di casa, suicidio shock scuote il quartiere

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento