Epidemia a San Felice del 2009: il tribunale ordina una perizia

La decisione è stata presa dal presidente Anna Di Martino al termine di un'udienza del processo che sta cercando di far luce sulle responsabilità di quanto accaduto

Il tribunale di Brescia, in veste del  presidente Anna Di Martino, ha predisposto una perizia sull’acquedotto di San Felice del Benaco per cercare di far luce sulle cause dell’epidemia che, nel 2009, coinvolse circa 3.500 persone.

La decisione è arrivata al termine di un’udienza che ha visto accusa e difesa trincerate su posizioni opposte.

La prima sostiene che la causa del malessere sia da cercare nella cattiva gestione delle Garda Uno, che avrebbe portato al diffondersi del Noro virus nelle acque cittadine, mentre gli avvocati difensori della società sostengono che l’epidemia fu la semplice conseguenza di un’influenza intestinale diffusasi per via aerea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

Torna su
BresciaToday è in caricamento