Evasione fiscale per 300mila euro, imprenditore condannato a un anno di reclusione

Non ha dichiarato redditi per per 1 milione e 790mila euro, la stangata è arrivata in un'aula di tribunale: oltre al sequestro di beni per 300mila euro, dovrà scontare un anno di reclusione

Foto d'archivio

Guai seri per un imprenditore condannato per evasione fiscale: oltre a vedersi sequestrati beni per circa 300mila euro, dovrà scontare un anno di reclusione. Sono queste le pene inflitte a Enrico Farina, legale rappresentate della società “Cavour snc di Farina Enrico & Co”.

L'azienda, ora non più operativa, aveva sede a Castiglione delle Stiviere ed era molto conosciuta nella zona del Basso Garda: si occupava di commercio al dettaglio di materiali da costruzione, ceramiche e piastrelle.

 La vicenda giudiziaria risale al 2010, anno in cui Farina, titolare della citata società, non avrebbe dichiarato redditi per circa 1 milione e 790mila euro, evadendo così 300mila euro di imposta sul valore aggiunto.

La sentenza è arrivata martedì mattina: oltre al sequestro dei beni e alla reclusione, il giudice ha previsto una serie di pene accessorie. Per diversi anni Farina non potrà operare anche nel settore della pubblica amministrazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento