Cronaca

Fucilate al campo nomadi, poi dà fuoco alle roulotte: condannato a 12 anni

Il giudice ha condannato a 12 anni di carcere (in primo grado) il 62enne Ennio Albiero: nel gennaio del 2019 il blitz al campo nomadi tra Lonato e Bedizzole

Foto d'archivio

Condannato a 12 anni di carcere per tentato omicidio: è questo l'esito della sentenza di primo grado nei confronti di Ennio Albiero, l'agricoltore di Padenghe – oggi 62enne, arrestato nell'estate del 2019 – che nella notte tra l'1 e il 2 gennaio dello scorso fu protagonista di un blitz armato nel campo nomadi allestito in località Bettola, tra Lonato e Bedizzole. In quell'occasione due roulotte vennero date alle fiamme e un 40enne rimase ferito da colpi di fucile.

Tentato omicidio e incendio doloso

Per l'accusa, e ora anche per il giudice, a sparare quei colpi e a dare fuoco a quelle roulotte è stato Albiero. Sono state respinte le obiezioni della difesa, che aveva chiesto di derubricare i reati in lesioni e minacce: non è andata così, perché anche il tribunale ha confermato le accuse di tentato omicidio, aggravate dall'odio razziale, e incendio doloso.

Proiettili e taniche di benzina

Le indagini, affidate ai carabinieri, hanno ricostruito nel dettaglio quanto successo quella notte. Per gli inquirenti l'obiettivo di Albiero era soltanto il 40enne, poi rimasto effettivamente ferito (colpito al braccio e alla spalla da un proiettile): l'incendio sarebbe stato appiccato con una tanica di benzina, ma in quelle roulotte stavano dormendo anche i familiari dell'uomo di origini sinti, rimasti fortunatamente illesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fucilate al campo nomadi, poi dà fuoco alle roulotte: condannato a 12 anni

BresciaToday è in caricamento