Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Finti controlli per l'emergenza-polmonite: due arresti

Con la scusa di effettuare verifiche nelle abitazioni, due uomini tentavano di derubare gli anziani

Dieci colpi. Nonostante le continue campagne di prevenzione, sui giornali e sulle tv locali, due uomini hanno tentato addirittura almeno una decina di colpi, tutti a danno di anziani. Il pretesto utilizzato per farsi aprire è quello fornito dall'emergenza-polmonite che sta tenendo col fiato sospeso diversi Comuni ormai da oltre tre settimane. 

Il primo caso è stato segnalato il 10 settembre in città, in via Moncenisio, dove le vittime sono stati due coniugi novantenni allarmati dai finti tecnici che hanno detto di voler controllare i rubinetti dell'acqua, per poi convincere gli anziani a mostrare dove conservavano i preziosi. Il secondo colpo nella Bassa, a Orzinuovi, dove è stata rubata una prestigiosa collezione di orologi assieme a molti altri gioielli (bottino ricchissimo, circa 100mila euro). 

Da lì in poi, altri colpi, a Mazzano e nel resto della provincia, fino al fermo di due italiani da parte dei carabinieri della compagnia Brescia. I due malviventi non sarebbero nuovi a colpi del genere: i militari stanno indagando per rintracciare altri eventuali vittime. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finti controlli per l'emergenza-polmonite: due arresti

BresciaToday è in caricamento