Cronaca Via Monte Grappa

Un aiuto concreto alla Costa d’Avorio, martoriata dalla guerra civile

Quattro ambulanze e una quindicina di culle sono salpate da Genova per raggiungere l'ospedale di Bongouanu, cittadina di 30mila abitanti nel sud della Costa d'Avorio: solidarietà da Brescia, Mantova e Cremona

Un Paese martoriato dalla guerra civile, la necessità di ricevere aiuti costanti. La paura di non farcela giorno dopo giorno e la mancanza di strutture adeguate, per un problema sanitario che è sotto gli occhi di tutti. Il 18 novembre scorso sono partiti dal porto di Genova due container con quattro ambulanze, dodici culle con rotelle e tre culle incubatrici per neonati, direzione Costa d’Avorio del sud, verso l’ospedale di Bongouanu, piccola città di 30mila anime dove di aiuto c’è sempre bisogno, a 150 km dalla Capitale Yamoussoukro e a meno di 200 km da Abidjan. Questa è la piccola grande storia di Emergency Transport, iniziativa benefica a cura della ONG Pobic Promozione Opere Benefiche Invalidi Civili con sede a Brescia (Via Monte Grappa), a Cremona e a Bozzolo di Mantova.

Proprio da Bozzolo la presentazione ufficiale del nuovo e lungo viaggio di solidarietà, per un’operazione che è costata grossomodo 100mila euro. Dopo il Marocco (a Zagora) la Costa d’Avorio, e in contemporanea il progetto Cuore Aperto per i bambini e i ragazzi della Moldavia. Tutto è cominciato nel 2008, con un ‘gemellaggio’ sanitario con l’ospedale Poma di Mantova, e una prima parte dedicata alla formazione del personale locale dell’ospedale di Bongouanu, curato dal responsabile del 118 mantovano Gianpaolo Castelli.

“Lì c’è bisogno davvero di tutto – spiega il presidente della ONG Pobic, Paolo Novellini – non solo in termini di attrezzature ma anche per quello che riguarda i fondi da destinare alle cure, e di personale specializzato in grado di occuparsene. Proprio per evitare che i mezzi non vengano usati a causa dei pochi fondi ci prenderemo carico di tutti i loro costi di gestione fino alla fine del 2013, quando le cose saranno migliorate”.

I mezzi dovrebbero arrivare a destinazione in meno di dieci giorni da oggi. “Se ogni cittadino del mondo – fa sapere Novellini dalla homepage della ONG – senza distinzione di età, sesso, razza, religione o appartenenza politica, offrisse la sua mano all’altro senza chiedere nulla in cambio, nel mondo sparirebbero le ingiustizie, la fame e le guerre”. Buona fortuna Emergency Transport. Ma la fortuna da sola non basta: c’è anche una raccolta fondi: sul conto corrente postale c/c 14932461, o donando il 5 per mille all’associazione (codice fiscale 93047620195).

Dando anche un occhio ai tanti locali, bar, farmacie e ambulatori delle tre Province coinvolte. Si può trovare un piccolo box, dove lasciare un piccolo contributo per il progetto Cuore Aperto. Di cui si parlerà ancora.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un aiuto concreto alla Costa d’Avorio, martoriata dalla guerra civile

BresciaToday è in caricamento