Addio Elisabetta, una lunga lotta contro il cancro: "Sei stata un esempio per tutti"

Si è spenta a 33 anni Elisabetta Cirillo, dopo aver lottato per anni contro una terribile malattia: i funerali saranno celebrati sabato pomeriggio a Roncadelle

Bella, bellissima: fino all'ultimo secondo. Con quel suo sorriso contagioso, il trucco sempre a posto: si era sposata a giugno, aveva compiuto 33 anni il primo di agosto. Se n'è andata mercoledì, dopo aver combattuto a lungo (e come una leonessa) contro un tumore che prima se n'era andato e poi invece era tornato. Negli ultimi mesi impegnata in una dura terapia in ospedale. Ma che purtroppo non ha portato ai risultati sperati.

Lo yoga, il blog, i libri

Si era fatta conoscere per il suo blog, Lisa in the World, aveva pure pubblicato due libri (il primo, e forse più celebre, “Come capita la vita”): come Nadia Toffa aveva scelto di affrontare pubblicamente la malattia, di raccontare momenti, ricordi ed emozioni. Aveva 33 anni Elisabetta Cirillo: originaria di Brescia, aveva vissuto in Nuova Zelanda, in Sudafrica, in Russia e negli Stati Uniti, a New York, dove ha scoperto la sua passione per lo yoga.

Si era laureata in lingue alla Cattolica di Brescia, nel 2014 torna a vivere stabilmente in città e apre il suo studio, Yoga Shala Sadhana, alle Tre Torri di Via Flero. Ma è nell'ottobre di quell'anno che le viene diagnosticata, per la prima volta, la malattia. Saranno mesi molto lunghi, durante i quali Elisabetta troverà nella scrittura la valvola di sfogo di tutti i pensieri.

L'abbraccio dei familiari e degli amici

La piangono i genitori Lanfranco e Marinella, il marito Francesca: i funerali saranno celebrati sabato pomeriggio alle 15, nella chiesa di San Bernardino a Roncadelle. Sarà possibile porgere un saluto prima della cerimonia nella sua abitazione di Via Savoldo, a Roncadelle, da venerdì fino a sabato alle 13. La famiglia ringrazia il dottor Federico Canzi, il dottor Giusto Pignata e l'infermiera Giulia Prandelli. 

“Sei stata la moglie, la figlia, la sorella, la nipote, la cugina che avremmo sempre voluto – scrivono gli amici Cesare, Flavia, Maurizio e Paola – Sei stata coraggiosa, forte, determinata, hai lottato con tutte le tue forze contro un fantasma spietato, hai avuto il grande merito di essere stata un esempio, con la tua forza e la tua serenità, per tutti coloro che quotidianamente combattono, e combatteranno la stessa battaglia”. Sulla sua pagina Facebook un laconico messaggio: “Un angelo tra noi che ha deciso di aspettarci più in là”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Terribile schianto sulla Statale: Paolo non ce l'ha fatta, è morto in ospedale

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento