Cronaca

Sfregiò l'ex fidanzato con l'acido, ora viene perseguitata dal marito

Elena Perotti, condannata a 8 anni per aver sfigurato l'ex fidanzato William Pezzulo, ha denunciato e fatto arrestare il coniuge che l'avrebbe minacciata e aggredita

Condannata definitivamente a otto anni per aver sfregiato (con l'acido) l'ex fidanzato e pure a un un anno e sei mesi per stalking, Elena Perotti è passata dalle vesti di carnefice a quelle di vittima. Nei giorni scorsi la 31enne ha infatti fatto arrestare il marito - dal quale ha avuto una figlia -  che l'avrebbe perseguitata, minacciata e aggredita. 

L'uomo, che Elena considera ormai un ex, la starebbe perseguitando da tempo, tanto che dalla scorso dicembre non poteva più nemmeno avvicinarsi a lei. Un divieto che  Francesco Remolato, questo il nome dell'uomo, non avrebbe affatto rispettato. Stando a quanto raccontato da Elena - che nel settembre del 2012, insieme all'amico e complice Dario Bertelli lanciò un secchio con l'acido contro l'ex fidanzato William Pezzulo - si sarebbe presentato sotto casa sua e le avrebbe suonato il campanello, minacciandola. Dopo averle distrutto l'auto avrebbe pure tentato di aggredirla e per questa ragione è finito ai domiciliari.

Una brutta storia che la 31enne vuole lasciarsi alle spalle, come quella che l'ha vista sul banco degli imputati. Dopo aver sconfitto un tumore, Elena ha lottato per riottenere i due figli - il primo avuto un mese dopo la brutale aggressione a Pezzulo, l'altra tre anni fa con il marito conosciuto durante il periodo di detenzione in comunità - che il tribunale dei minori le aveva tolto. Recentemente la donna ha ottenuto la responsabilità genitoriale della secondogenita Rebecca, che è tornata a frequentare, seppure in presenza di un educatore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfregiò l'ex fidanzato con l'acido, ora viene perseguitata dal marito

BresciaToday è in caricamento