Studentessa uccisa in chiesa dal sagrestano: il killer è fuori dal carcere

L’assassino di Elena Lonati, la studentessa brutalmente ammazzata nell'agosto del 2006 nella chiesa Santa Maria di Mompiano, da marzo gode dell’affidamento in prova e tra pochi mesi sarà libero a tutti gli effetti.

Elena Lonati

È già uscito dal carcere e tra pochi mesi - grazie ad alcuni sconti di pena - avrà saldato il suo conto con la giustizia e potrà rifarsi una vita. Nell’agosto del 2006 aveva brutalmente spezzato quella di Elena Lonati, una ragazza di soli 24 anni.

Wimal Chamile Ponnamperumage, ex sagrestano della chiesa Santa Maria di Mompiano, era stato condannato per omicidio a 18 anni e 4 mesi, ma in carcere ne ha trascorsi molti di meno. Dieci anni dopo l’omicidio della giovane studentessa aveva ottenuto la semilibertà e rientrava a Canton Mombello solo per dormire. Ora nemmeno quello: dalla scorsa primavera, sempre per buona condotta, gli è stata concessa la misura dell’affidamento in prova. Un provvedimento confermato a giugno: il 37enne lavora come cuoco in una cooperativa e tra pochi mesi sarà libero a tutti gli effetti. In tempo per ricostruirsi una vita, dopo aver brutalmente spezzato quella di una giovane studentessa. 

Elena Lonati morì nella tarda mattinata del 18 agosto del 2016: era andata in chiesa per accendere una candela e ricordare la nonna scomparsa ed era stata uccisa dal sagrestano, con il quale aveva avuto un diverbio poi degenerato. L'uomo di origine cingalese l’aveva invitata ad uscire,  perchè il santuario era già chiuso: dalla discussione era nato un battibecco e il giovane l’aveva spinta all’indietro. Con troppa forza: la 23enne era caduta, sbattendo la testa sul poggiapiedi di un banco da preghiera, perdendo i sensi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il giovane Chamile, che tutti chiamavano Camilllo, pare l’avesse creduta morta mentre lei era solamente svenuta: aveva recuperato dei sacchi di plastica nera e del nastro adesivo da cantiere, ricoprendo da cima a piedi Elena, tappandole la bocca, il naso e gli occhi.  Poi l'aveva trascinata sulla scala di un pulpito, per nasconderla: lei morì soffocata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento