Droga e armi dalla Valcamonica: in 28 a processo, sequestri per mezzo milione di euro

Ci sono anche volti noti dell'imprenditoria bresciana nel lungo elenco dei 28 indagati che finiranno a processo il prossimo settembre

Foto d'archivio

Traffico di stupefacenti, detenzione di armi, associazione per delinquere: sono queste le accuse, a vario titolo, mosse dalla Procura nei confronti delle 28 persone coinvolte nella maxi-inchiesta che ha fatto tremare la Valle Camonica. La Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Brescia e i Carabinieri di Breno e Clusone avevano smascherato un'organizzazione criminale, italo-albanese, che si sarebbe occupata appunto del traffico di stupefacenti in tutta la valle, utilizzata anche come polo logistico per lo smistamento della droga in altre regioni d'Italia. A margine del blitz, si contano sequestri per oltre 500mila euro.

I nomi degli indagati

Come detto sono 28 gli indagati, e che finiranno a processo a partire dal prossimo 11 settembre. Tra questi ci sono anche dei volti noti: su tutti Saimir Sallaku, 45 anni, considerato dall'accusa tra i promotori dell'organizzazione. Insieme a lui anche il fratello Taulant Sallaku, 38 anni. Un cognome conosciuto in Valcamonica e nel Bresciano: il terzo fratello Gezim è un imprenditore di fama, già presidente del Darfo Calcio e anche lui coinvolto in inchieste giudiziarie.

Nella gestione del “sistema” illecito di spaccio sarebbero coinvolti, sempre secondo l'accusa, anche Alessandro Giorgi e il figlio Denis, 72 e 48 anni, che si sarebbero occupati di una sorta di “ufficio acquisti” per la droga, e poi Dashmir Barberi, Gianpaolo Brunelli, Mirand Shehi e Roland Tusha, che invece si sarebbero occupati dei “rifornimenti” e della “gestione” della distribuzione.

Nel lungo elenco degli indagati sottoposti a custodia cautelare ci sono anche coloro che avrebbero “sorvegliato” e “custodito” le sostanze stupefacenti, e che avrebbero pure fatto i “trasportatori”: Agim Bejko e il figlio Enkeleid, Gledis Gjoka, Arian Kruja, Marijos Veliu e Reshit Xhafa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

  • Si sente male all'Università, poi la situazione precipita: ragazza muore di meningite

Torna su
BresciaToday è in caricamento