Erba in cascina, ma non per le vacche: sequestrati 70 kg di marijuana

Solo parte dello stupefacente è stato rinvenuto nella Bassa. I carabinieri della caserma di Chiari hanno sequestrato anche orologi Rolex e 9mila euro in contanti.

Master. Questo il nome in codice della maxi operazione conclusasi nelle scorse ore tra la provincia di Brescia, la Liguria e l’Emilia. A finire nei guai un 42enne di Lecco, un 35enne di Genova, un 23enne di Finale Emilia (Modena) e un 26enne di Orzivecchi, tutti di nazionalità italiana. Indagata anche la fidanzata di uno degli arrestati, residente a Cologne dove è ai domicilari. 

Complessivamente sono stati sequestrati 70 chilogrammi di marijuana, pronta all’uso, che il gruppo spacciava nel Nord Italia. Parte della droga era nascosta in una cascina di proprietà del 23enne bresciano a Orzivecchi. Un altro quantitativo di “erba” è stato rinvenuto nel doppio fondo di un furgone utilizzato dalla banda per gli spostamenti. 

L’indagine è partita dall’individuazione del furgone in piazza a Cologne. Da una verifica è risultato che il mezzo è intestato a un giovane disoccupato con precedenti legati allo spaccio, così come i precedenti li aveva anche il vecchio proprietario del mezzo. Entrambi però avrebbero manifestato un tenore di vita elevato: tenuti sotto osservazione dai militari, i due sono stati fermati quando il furgone è entrato nella cascina di Orzivecchi dove è stata trovata la droga, i Rolex e 9mila euro in contanti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento