Il racket della droga in mano ai "nonni": in manette marito e moglie di 81 e 74 anni

Blitz dei carabinieri in Valcamonica e non solo: 23 misure di custodia cautelare nell'ambito dell'operazione antidroga “Lucignolo”. I dettagli e i nomi degli arrestati

Quasi tre chili e mezzo di droga sequestrata, decine di migliaia di euro in contanti nella casa dei principali fornitori, 23 misure di custodia cautelare tra cui 8 arresti in carcere e un'altra dozzina ai domiciliari: sono questi i numeri dell'operazione “Lucignolo”, guidata dai carabinieri di Breno e coordinata dalla Procura di Brescia.

Quasi due anni di indagini

Si è conclusa con una vasta gamma di arresti e di obblighi di dimora un'indagine articolata proseguita per quasi due anni. Tutto era cominciato, infatti, nel novembre del 2018 quando furono i familiari di un 48enne a denunciare la sua morte per probabile overdose. In casa infatti era sparito il cellulare: l'aveva preso con sé il pusher sperando di non essere rintracciato.

La stessa persona avrebbe poi venduto la stessa droga (eroina) anche a un'altra persona, un uomo di 52 anni di Ono San Pietro che morirà di overdose solo qualche settimana più tardi. E' da questa triste scia di morte che è stato possibile risalire (e arrestare) il 45enne di Ceto che avrebbe spacciato la droga ai due uomini poi deceduti.

Arresti in valle e non solo

Non solo per spaccio, è accusato anche di morte come conseguenza di altro reato. Era solo uno dei tanti che andavano a comporre una vasta rete di spaccio per lo più autoctona, gestita cioè da bresciani e camuni: tra gli arresti più eclatanti quelli dei fratelli Giuseppe e Fabio Evangelisti, 44 e 47 anni.

A casa di quest'ultimo era stato allestito un vero e proprio laboratorio per la preparazione della cocaina, a cui lavoravano due donne residenti in zona, entrambe arrestate e ora ai domiciliari. In manette anche un 37enne marocchino, titolare di una pizzeria di Travagliato: faceva arrivare la droga direttamente in valle grazie a due corrieri italiani che lavoravano per lui.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma in cima alla “piramide” della droga camuna c'era un volto noto del narcotraffico bresciano: Gianbattista Crotti, 81 anni, che vendeva partite di droga da almeno mezzo chilo alla volta insieme alla moglie di 74 anni, già arrestato più volte in passato e ora di nuovo in carcere. Nella sua abitazione sono stati trovati (e sequestrati) più di 30mila euro in contanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento