Al centro commerciale girano alcol e droga, la questura attiva i controlli

Un sabato pomeriggio di controlli in Freccia Rossa da parte della Questura. Spaccio, consumo di droghe e alcol sarebbero la normalità per i minorenni che frequentano il centro.

Una folla di giovani sulla balconata del Freccia Rossa, il centro commerciale adiacente alla stazione. E' un sabato pomeriggio qualsiasi fra shopping e chiacchiere, un sabato pomeriggio normale.

Ma la normalità, stando alle interviste raccolte da Teletutto, sarebbero giri di spaccio, buste di cocaina nei bagni, alcol ai minorenni e già nel pieno pomeriggio.

Si raccontano senza peli sulla lingua ai microfoni della tv cittadina, i ragazzini del Freccia Rossa. E anche chi non è direttamente coinvolto, non ci vede nulla di strano "Basta che non vengano a distrubarci".

La Questura, a conoscenza della situazione, ha attivato dei controlli serrati: 6 pattuglie sabato pomeriggio, per un totale di 20 agenti sotto le direttive del commissario Stefano Ravel, hanno bloccato le porte che danno sul terrazzo del primo piano, controllato e perquisito uno a uno i presenti in quel momento. 140 gli identificati (65 italiani e 75 stranieri), di cui 76 minorenni.

«I controlli saranno costanti - rassicurano le forze dell'ordine -. Questo è uno di quei posti che la Questura sta monitorando. E i controlli di oggi si sono resi necessari in seguito a una serie di episodi verificatisi proprio di sabato pomeriggio». Nei guai sono finiti infatti anche due baby bulli che nelle scorse settimane si sono resi protagonisti di episodi di violenza ed estorsione a danno dei loro coetanei.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto oltre al rafforzamento dei controlli, sono allo studio forme di prevenzione e di coinvolgimento della cittadinanza per intervenire su questi fenomeni di "esuberanza" giovanile che assumono a tratti il colore dell'emergenza sociale. E di ordine pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

Torna su
BresciaToday è in caricamento