Donna rischia di affogare, la salva un operaio albanese

La donna stava annegando nella grossa vasca al terzo piano interrato del parcheggio nord del Civile; l'operaio, che stava lavorando alla sovrastante rotonda, ha udito le grida e si gettato in acqua per salvarla.

Brescia - Da operaio a eroe, il salto è stato brevissimo per Gramos Prifti, il 42enne albanese che nella mattinata di lunedì 3 agosto ha salvato una donna che stava affogando nella vasca, profonda 2 metri, che si trova al terzo piano interrato del parcheggio nord del Civile. 

A lanciare l'allarme e chiamare il 112 alcune persone presenti nel parcheggio che hanno sentito le urla della donna in difficoltà. Anche l'operaio albanese, che stava lavorando alla rotonda che si trova sopra il parcheggio, ha udito le grida e, nell'attesa dell'arrivo dei soccorsi, si è dato da fare per trarre in salvo la donna.

Gramos Prifti, padre di due figli e residente a Rezzato, prima ha teso un badile alla donna, perché ci si potesse aggrappare; poi si è spogliato e non ha esitato a gettarsi nella vasca: con l'ausilio di una scala ha afferrato la donna e l'ha portata fuori dall'acqua, consegnandola ai soccorritori che nel frattempo erano giunti sul posto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento