Donna aggredita fuori dalla metro: telefonino strappato di mano

L’aggressione poco dopo la mezzanotte di domenica 1 novembre all’esterno della fermata della metropolitana di San Faustino; la vittima avrebbe riportato lievi lesioni alla mano

Foto d'archivio

BRESCIA. Una donna di 30 anni di origine nigeriana è stata aggredita da un connazionale all’esterno della fermata della metropolitana di via San Faustino. La 30enne ha raccontato di essere stata privata del telefono cellulare, che le sarebbe stato brutalmente strappato dalle mani da un conoscente. La donna ha riportato lievi lesioni ed è stata trasportata al Pronto Soccorso del Città di Brescia per essere medicata. 

Accerchiata e pestata da tre uomini in strada,
ragazza in ospedale 

Stando a quanto la vittima ha raccontato ai poliziotti, l’aggressore sarebbe un suo vicino di casa che avrebbe più volte manifestato l’intenzione di avere una relazione con lei. Non è ancora chiaro quindi se l’uomo le abbia strappato il cellulare di mano in preda ad un attacco di gelosia o se semplicemente volesse rubarlo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento