menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Covid: chiesa bresciana in lutto per la morte di don Giovanni Arrigotti

Si è spento all'età di 84 anni don Giovanni Arrigotti, originario di Castenedolo. Dal 2001 era presbitero collaboratore alla Santissima Trinità di Brescia

La comunità bresciana è in lutto per la scomparsa di don Giovanni Arrigotti, 84 anni originario di Castenedolo. Per oltre vent'anni aveva prestato la sua azione missionaria in Africa, lasciando il segno della sua umanità e della sua fede. 

Dal 2001, dopo aver dedicato buona parte della sua vita al prossimo, era diventato collaboratore della chiesa della Santissima Trinità a Brescia. Da circa due mesi don Arrigotti lottava contro il Covid, e purtroppo, a causa anche delle sue già precarie condizioni di salute, è mancato domenica mattina.

Era stato ordinato nel 1961 e dopo l'incarico come curato a Gavardo, nel 1964 era partito per il Burundi iniseme ad altri sacredoti bresciani. Dopo 15 anni trascorsi in Africa, rientrò in Italia e fu parroco di Montirone dal 1980 al 1989. Quindi di nuovo un periodo in Burundi, prima di dedicarsi alla cura spirituale dei malati come cappellano dell'ospedale di Montichiari e del Sant'Orosola. Dal 2000 al 2001 fu di nuovo inviato in Costa d'Avorio; quindi approdò alla Santissima Trinità di Brescia come presbitero collaboratore, continuando a mantenere vita la rete missionaria.

La veglia funebre in memoria di don Arrigotti si è tenuta lunedì sera nella chiesa della Santissima Trinità, dove è stata allestita la camera ardente. Martedì la salma è stata trasferita nella chiesa parrocchiale di Castenedolo dove, mercoledì mattina alle 11, si svolgeranno i funerali celebrati dal vescovo Pierantonio Tremolada. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento