Cronaca

Domenico, il valsabbino sopravvissuto al lager di Anna Frank

Si avvicinano i 90 anni per Domenico Buccella, valsabbino Doc sopravvissuto a più campi di concentramento in Germania. Trasferito a Bergen-Belsen, si salvò dalla strage perché mandato a lavorare ad Hannover

Anna Franck

Sopravvissuto ai campi di sterminio nazisti, salvato dalla follia finale delle sbarre di Bergen-Belsen forse per caso, forse per un colpo di fortuna. Lo racconta così Domenico Buccella, valsabbino Doc nato nel 1924 e che in quegli anni bui finì nel vortice dei campi di concentramento in terra tedesca.

Prima Wietzendorf, poi Hannover; una malattia alle gambe, un dolore che non finisce e la promessa di un trasferimento in ospedale. Invece è un altro lager, forse il peggiore. Nel suo diario dei ricordi scorrono tante lacrime, per una storia impossibile da dimenticare.

Dal genocidio di Bergen-Belsen si salva quasi per caso, lo conferma seppur con l’amaro di una passato indimenticabile. Trasferito ad Hannover, di nuovo, perché i tedeschi hanno bisogno di altri operai: e Domenico finirà “a salare pancette”, fino all’armistizio.

I curiosi giochi della storia, sul treno che lo porterà lontano dal lager di Bergen-Belsen c'è anche Anna Frank, proprio quella del diario. Lei non stava partendo ma stava arrivando: lei finirà la sua breve vita tra le torture del campo, "vittima di una follia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Domenico, il valsabbino sopravvissuto al lager di Anna Frank

BresciaToday è in caricamento