rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca Urago Mella

Strangolata in casa con un foulard: dopo 2 mesi nessuno sa chi è l'assassino

E' ancora avvolta nel mistero la vicenda che ha portato alla morte di Diva Borin: uccisa in casa, strangolata con un foulard, ma ancora non si sa da chi

La notizia è di poche ore fa: la magistratura ha dato il via libera alla sepoltura di Diva Borin, la donna di 86 anni trovata morta nella sua abitazione, in Via Ballini a Urago Mello. La procura indaga per omicidio: l'anziana sarebbe stata strozzata, strangolata con un foulard al collo. Ma a circa due mesi dall'accaduto, erano i primi di marzo, le indagini sono ancora a un punto fermo.

Qualcosa si è mosso, come detto, in ambito familiare: la salma è stata “liberata” e dunque a breve saranno organizzati i funerali. Se ne occuperà probabilmente Christian Boron, unico nipote diretto della donna. Anche lui sentito dagli inquirenti insieme a Salvatore Spina, il dipendente di un supermercato della zona che però negli ultimi anni si era molto avvicinato alla signora, per lei era diventato una sorta di “badante”.

Strangolata in casa

Sulla vicenda ci sono ancora tante, troppe nubi oscure. A partire dal cellulare della donna, mai ritrovato: i tabulati telefonici hanno registrato una telefonata di Borin con la moglie di Spina, poi più nulla. L'anziana è stata ritrovata senza vita proprio dal badante, allertato dai vicini di casa che non l'avevano vista uscire, e nemmeno aprire le ante.

Gli inquirenti non hanno trovato impronte conosciute, o indizi tali da accelerare il decorso delle indagini. Solo quel foulard, avvolto al collo di Diva Borin trovata morta sulla poltrona, che di fatto è considerata l'arma del delitto. Per il resto nessun segno di effrazione, nessuna traccia, insomma niente di niente. 

I tre testamenti

Sono stati passati al setaccio anche i probabili moventi economici. L'anziana ha cambiato il suo testamento per tre volte: nell'ultima versione, cioé in ordine cronologico quella depositata per ultima, e quindi quella valida, il “grosso” dell'eredità è stata dirottata su Spina, il badante, e non al nipote Christian.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strangolata in casa con un foulard: dopo 2 mesi nessuno sa chi è l'assassino

BresciaToday è in caricamento