Cronaca

Antimafia: controlli sui cantieri della Tav e nelle cave bresciane

Lo ha reso noto la Dia di Milano. Le ispezioni sono volte a impedire possibili infiltrazioni mafiose sui cantieri delle opere pubbliche lombarde

Una serie di controlli anticrimine sono stati effettuati, negli ultimi giorni, nei principali cantieri della Lombardia dalla Direzione investigativa antimafia.

Lo ha comunicato, ieri, la Dia di Milano, precisando che le ispezioni, volte a impedire possibili infiltrazioni mafiose tra le imprese incaricate dei lavori, hanno riguardato cantieri pubblici e alcune cave. Tra essi anche l'appena inaugurata Metrò 5 di Milano.

Tra i siti controllati ci sono cantieri dell'Alta velocità ferroviaria nella tratta Treviglio-Brescia e alcune cave della nostra provincia; la Tangenziale Sud a Quistello (Mantova); la tangenziale di Arcisate-Bisuschio (Varese); la pista ciclabile a Pieve Fissiraga (Lodi).

- Brescia, l’ombra della 'ndrangheta: «Ha il monopolio del movimento terra»


"La Lombardia è la regione che ha il maggior numero di opere pubbliche - spiegano alla Dia - ma anche il maggior numero di controlli. L'anno scorso le misure di interdizione emesse dai prefetti nei confronti di imprese ritenute infiltrate dalla criminalità organizzata sono state 20".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antimafia: controlli sui cantieri della Tav e nelle cave bresciane

BresciaToday è in caricamento