Presidio davanti al Penny Market. Cobas: «Lavoratori lasciati fuori»

La situazione è stata denunciata dallo Si Cobas. Prosegue la lotta: «Penny Market ci troverà davanti ai supermercati fino a quando non farà rientrare i lavoratori»

Lavoratori in presidio (foto Si Cobas Desenzano/Facebook)

«I dipendenti della cooperativa si sono presentati al lavoro ma è stato impedito loro di accedere al posto di lavoro». Lo denuncia il sindacato Si Cobas di Brescia in merito alla posizione dei lavoratori che nella giornata di venerdì sono stati sgomberati dalla polizia durante un presidio di protesta davanti al magazzino del supermercato di Desenzano.

Tra i dipendenti che hanno trovato le porte dei magazzini chiuse c'era anche il gruppo di musulmani che durante le fasi di sgombero hanno inneggiato ad Allah. 

«Da parte della cooperativa non è arrivata alcuna comunicazione», ha precisato Alessandro Zadra, sindacalista dei Cobas. «Penny Market — precisano dal sindacato con una nota — ci troverà davanti ai supermercati fino a quando non farà rientrare i lavoratori in magazzino e non ne accetterà le richieste».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento