Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Desenzano del Garda / Via Giuseppe Garibaldi

Lavastoviglie buttata dalla finestra del secondo piano, individuato il responsabile: "Impulso irrefrenabile"

Così l'uomo, interrogato dai poliziotti del commissariato di Desenzano, ha giustificato il folle gesto. È stato denunciato e sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio

Un gesto folle, che non è passato inosservato ed è pure stato filmato. Proprio grazie a quelle immagini, che hanno fatto il giro della rete, colui che ha gettato una lavastoviglie dalla finestra dal secondo piano di una palazzina di via Garibaldi, a Desenzano, è stato rintracciato. 

Le indagini

Le indagini condotte dal commissariato di polizia del posto si sono concluse in brevissimo tempo anche grazie a quel filmato diventato virale su Facebook e  Whatsapp: "La visione del video - scrive la Polizia in una nota  - ha permesso di individuare la zona teatro della vicenda, dove sono stati presi contatti con i residenti e i titolari di esercizi commerciali e locali pubblici. Le informazioni acquisite hanno permesso di individuare l'autore del fatto: un 30enne residente a Desenzano." L'uomo, in presenza del suo legale, avrebbe ammesso tutti, motivando il gesto con "impulsi irrefrenabili".

L'episodio risale alla notte, tra venerdì e sabato, come si vede nelle immagine la lavastoviglie - e non una lavatrice come scritto in un primo momento- viene prima poggiata sul cornicione della finestra, e poi lanciata di sotto. Per fortuna in quel momento per strada non c'era nessuno: fosse andata diversamente, la vicenda si sarebbe potuta concludere in tragedia.

La denuncia e il ricovero

Il 30enne è indagato in stato di libertà per getto pericoloso di cose, circostanza per cui si rischia fino a un mese di carcere, e 206 euro di multa. "Per lo stato di tensione psichica" si legge nel comunicato della polizia  il 30enne è pure stato sottoposto al trattamento sanitario e ricoverato in psichiatria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavastoviglie buttata dalla finestra del secondo piano, individuato il responsabile: "Impulso irrefrenabile"

BresciaToday è in caricamento