Cronaca Via Dugazze

Spiaggia d’Oro, nessuno vuole il ristorante: a vuoto il settimo bando

Per la settima volta consecutiva è andato a vuoto il bando comunale per l'aggiudicazione, per 18 anni, degli spazi dell'ex ristorante sulla Spiaggia d'Oro a Desenzano.

Niente da fare. Per ora, tutto è stato accantonato: dopo ben sette tentativi di cedere in gestione il ristorante situato nella Spiaggia d’Oro desenzanese, il Comune, che fra poco vedrà un cambio di rotta, viste le elezioni, getta la spugna in attesa, si spera, di tempi migliori. 

Chiuso ormai da cinque anni, l’edificio che ospitava il ristorante è stato teatro di numerose vicissitudini. Tra le più eclatanti, tre anni fa, nel maggio 2014, avvenne il furto di tutta la copertura in rame (dal valore complessivo di circa 20mila euro), e nel dicembre 2015 invece alcuni attivisti del Collettivo Gardesano Autonomo, con il supporto del Magazzino 47 e di Radio Onda d’Urto, lo occuparono abusivamente, dando vita al Centro Sociale Zanzanù. 

Evidentemente i costi di affitto (42mila euro annui, scontati fino al 75%, per 18 anni) e quelli di ristrutturazione, stimati in 567mila euro, spaventano troppo gli investitori del settore. Un commento a caldo sull’ennesimo buco nell’acqua arriva, sulle colonne del quotidiano Bresciaoggi, dall’assessore Maurizio Maffi: «Non e? arrivata nessuna offerta, e non possiamo fare altro che prenderne atto. Credo siano successe tante cose, non da meno l’attuale congiuntura economica. Ci abbiamo provato, ma per il momento la chiudiamo qua».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spiaggia d’Oro, nessuno vuole il ristorante: a vuoto il settimo bando

BresciaToday è in caricamento