Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Timbri dei medici clonati per una vita da sballo: nei guai un bresciano

Il Commissariato di Polizia di Desenzano ha indagato un bresciano di 45 anni, residente a Gavardo, che negli ultimi mesi avrebbe falsificato ricette per procurarsi un farmaco all'oppio per i malati di cancro

Ricette false, con timbro falso: un modus operandi che si sarebbe protratto per mesi. Il protagonista è un bresciano di 45 anni, residente a Gavardo, con vari precedenti penali in materia di stupefacenti: girava le farmacie del Garda, in particolare a Desenzano, e pure della città, per procurarsi un farmaco utilizzato in medicina per la cura del dolore nei pazienti con patologie tumorali in fase terminale.

Un farmaco a base oppiacea, probabilmente per uso personale: ma gli inquirenti non escludono, visto il quantitativo recuperato in casa, che potesse anche venderli ovviamente dietro compenso. A smascherare la vasta gamma di contraffazioni il Commissariato di Polizia di Desenzano: il 45enne è ora indagato per il reato di “falsità materiale commessa da privati”.

Aveva falsificato due timbri, “clonando” i dati di due studi medici della Valsabbia, a Paitone e Villanuova. Aveva poi fatto incetta di ricette “in bianco”, che lui stesso compilava prescrivendosi il farmaco oppiato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Timbri dei medici clonati per una vita da sballo: nei guai un bresciano

BresciaToday è in caricamento