Niente scontrini e 21 camerieri in nero: multa da 80mila euro

Nei guai un commerciante di Desenzano, beccato dalla Guardia di Finanza durante una festa organizzata in una villa in periferia, sul finire dell'estate: 165 scontrini mancanti e 21 camerieri assunti in nero. Multa da 80mila euro

La Guardia di Finanza di Desenzano ha sanzionato di circa 80mila euro un commerciante desenzanese, reo di avere organizzato una festa in grande stile, sul finire dell’estate in una sontuosa villa alla periferia cittadina, durante la quale però non tutte le cose stavano al loro posto.

In particolare le Fiamme Gialle hanno contestato 165 scontrini mai emessi, per un incasso mancato e dunque nascosto di oltre 2000 euro. Oltre a questo il problema del lavoro nero: 34 camerieri in azione, per tutto il corso della serata, ma ben 21 di loro senza alcun contratto professionale.

Un blitz scattato proprio durante la festa: prima qualche agente in borghese, che si è nascosto tra la folla numerosa e ha accertato le diverse violazioni al fisco. Dopo di che, l’ingresso in villa di una decina di agenti in divisa, che hanno controllato l’incasso della serata e controllato le eventuali assunzioni in nero.

A conti fatti, una stangata in piena regola: una doppia e salatissima sanzione, ma che il commerciante trasgressore avrebbe già saldato, regolarizzando la propria posizione. I citati 80mila euro, per i 21 lavoratori senza contratto, e altri 2mila invece per gli incassi nascosti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zone gialle, arancioni e rosse, cosa succede il 6 dicembre: c'è attesa per la Lombardia

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Ragazza di 13 anni scomparsa con l'amica, madre disperata: "Torna a casa amore mio"

  • Si compra la cocaina con i soldi delle multe: sospeso agente della Locale

  • Tragico incidente: Valeria Artini, promessa del volley, muore a 16 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento