menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Desenzano: risse e musica troppo alta, chiuso il Teatro Alberti

Il Teatro Alberti è stato chiuso per due settimane dal Questore Carluccio, a seguito delle numerose segnalazioni giunte da parte dei residenti per musica troppo alta e risse in strada

Desenzano. Nella mattinata di ieri, è stata disposta dal Questore di Brescia la chiusura del locale notturno “Teatro Alberti”, in via Santa Maria.

Il provvedimento nasce dai controlli eseguiti presso la struttura sia dai Carabinieri che dalla Polizia Locale di Desenzano, a seguito delle numerose segnalazioni giunte da parte dei residenti che lamentavano, in orario notturno, volume della musica troppo elevato, oltre che disordini e malori di giovani in strada.

Sono stati svariati gli episodi di disturbo alla quiete pubblica e di vandalismo accertati nell’ultimo periodo, imputabili - scrive la Questura - "anche alla mancata adozione da parte dell’attuale gestore del locale di idonee azioni dissuasive nei confronti dei numerosi avventori, come previsto dalla normativa vigente".

Numerose le risse tra i clienti del locale verificatesi anche di recente. In una circostanza, un giovane ha riportato ferite gravi, tanto da dover essere ricoverato con prognosi riservata presso il Civile di Brescia.
 
Alla base del provvedimento ci sono anche le violazioni riscontrate dalla Locale, quali la precarietà dell’area adibita a spettacolo, la scarsa illuminazione delle segnalazioni relative alle uscite di emergenza e la mancata emissione degli scontrini fiscali.  

Per il Questore Lucio Carluccio, dunque,  il locale dovrà restare chiuso per un periodo di 15 giorni a partire dalla mezzanotte di venerdì 21 dicembre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quando ci si potrà spostare tra regioni: c'è una data per maggio 2021

Coronavirus

Covid, sono 51 i Comuni bresciani con dati da zona rossa: l'elenco completo

Attualità

C'è chi spacca tutto, chi tenta il suicidio impiccandosi: "Qua dentro è una polveriera"

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Cosa riapre in Italia dal 26 aprile

  • Coronavirus

    Vaccino: un bresciano su quattro ha già ricevuto almeno la prima dose

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento