rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Desenzano del Garda

Attimi di tensione a Desenzano per il banchetto di CasaPound

Una trentina di attivisti del Collettivo Gardesano Autonomo ha attraversato il mercato di Rivoltella in corteo: nel pomeriggio la protesta si è spostata in Piazza Malvezzi

Acque agitate domenica mattina al mercato di Rivoltella, in occasione del primo banchetto gardesano di CasaPound, a Desenzano per raccogliere le firme per le prossime elezioni regionali. Un folto gruppetto di attivisti e simpatizzanti del Collettivo Gardesano Autonomo, in tutto una trentina di persone, ha attraversato i banchi degli ambulanti in corteo, fino ad avvicinarsi (a circa un centinaio di metri) proprio al gazebo organizzato dai militanti del noto partito di estrema destra.

Attimi di alta tensione, per fortuna senza incidenti: gli antagonisti sono stati bloccati dal cordone di sicurezza di Polizia di Stato e Carabinieri, in tenuta antisommossa, coordinato dal dirigente del Commissariato di Desenzano, il vicequestore Bruno Pagani. Un duro faccia a faccia, ma non ci sono stati scontri.

L'iniziativa di CasaPound è proseguita poi nel pomeriggio, in pieno centro, con un banchetto allestito in Piazza Malvezzi: i ragazzi del Collettivo si sono presentati con uno striscione (“Fuori i fascisti dalle città, Fuori CasaPound dal Garda”) ma sono rimasti a debita distanza ancora per l'ingente presenza di forze dell'ordine. Anche attivisti di Anpi e altri gruppi locali hanno raggiunto la piazza per un volantinaggio di protesta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attimi di tensione a Desenzano per il banchetto di CasaPound

BresciaToday è in caricamento