Cronaca

L'Enpa si costituirà parte civile contro il padrone del cane sepolto vivo

"Auspico che le persona sia punita con una punizione esemplare", afferma indignata il presidente nazionale dell'Enpa, Carla Rocchi

Anche l'Enpa si costituirà parte civile nel procedimento a carico dell'uomo accusato di aver sepolto vivo il proprio cane.

''Apprendo con orrore e sgomento", ha dichiarato il presidente nazionale dell'Enpa, Carla Rocchi, "che secondo quanto riferito da fonti di stampa, a Desenzano del Garda un uomo ha letteralmente sepolto vivo il cane sotto cinquanta centimetri di sassi e laterizi, abbandonandolo a sé stesso per quasi due giorni. Questo è un fatto di una gravità inaudita che purtroppo conferma come, nonostante i passi avanti compiuti dal nostro Paese in materia di tutela e protezione degli animali, continuino a sussistere pericolose sacche di inciviltà, di ignoranza, di intollerabile crudeltà''

"Auspico", continua Rocchi, "che le persona sia punita con una punizione esemplare. La coscienza del nostro Paese non può accettare che si verifichino episodi così raccapriccianti''.

andrea coita-2   LA COPPIA CHE HA SALVATO JERRY VUOLE INCONTRARE IL SUO PRESUNTO AGUZZINO

Il padrone di Jerry 1-3   ECCO L'INTERVISTA DELLE IENE AL PADRONE DEL CANE

facebook-4  NASCE SU FACEBOOK IL GRUPPO: "TUTTI CON JERRY, IL CANE SEPOLTO VIVO!!"

CANE SEPOLTO VIVO: GUARDA LA GALLERY

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Enpa si costituirà parte civile contro il padrone del cane sepolto vivo

BresciaToday è in caricamento