Cronaca Via Anelli

Gli agenti della Locale lo vogliono multare, lui li prende a calci e pugni

L'episodio mercoledì a Desenzano, in manette un 30enne nigeriano: ha mandato in ospedale due agenti della Polizia Locale, che lo volevano multare per accattonaggio molesto

Foto di repertorio

Voleva schivare una sanzione amministrativa, ora dovrà rispondere in tribunale di reati ben più pesanti: violenza, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Sono le accuse mosse dagli agenti della Polizia di Locale di Desenzano nei confronti di un 30enne nigeriano, finito in manette nei giorni scorsi.

L'uomo si è reso protagonista di un'aggressione nei confronti di due agenti che, lo scorso mercoledì pomeriggio, lo avevano avvicinato per un controllo e per elevargli una multa per accattonaggio molesto. Il 30enne, già noto alle forze dell'ordine, stava disturbando e insultato da parecchie ore le persone di passaggio in via Anelli, costringendo la Polizia Locale a un doppio intervento.

In mattinata il primo ammonimento da parte di una pattuglia, nel pomeriggio l'episodio violento. Il 30enne, residente a Trento ma domiciliato a Verona, si è scagliato contro la coppia di agenti intervenuti per controllarlo e sanzionarlo: li avrebbe colpiti con una raffica di calcie pugni, riuscendo pure a graffiarli.

Per bloccarlo è dovuta intervenire un'altra pattuglia: una volta fermato, per lui sono scattate le manette. I due agenti aggrediti sono invece dovuti ricorrere alle cure dei medici del locale pronto soccorso. Per loro, per fortuna, nulla di grave: le prognosi sono di 3 e 6 giorni. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli agenti della Locale lo vogliono multare, lui li prende a calci e pugni

BresciaToday è in caricamento