Cronaca

Volatile rarissimo (e protetto) preso a fucilate in mezzo alla campagna

Volatile protetto salvato appena in tempo: si tratta di un esemplare di Gru. E' stato preso a fucilate nelle campagne di Dello

“L'ultimo e gravissimo episodio di una lunga serie: una rarissima Gru, simbolo di prosperità, buona sorte e lunga vita, è stata presa a fucilate nella pianura bresciana”. Così il WWF nell'annunciare il salvataggio di una Gru, recuperata in un fosso dopo essere stata ferita da un colpo di fucile, in territorio di Dello. Alta circa un metro e 20, con apertura alare di oltre 2 metri, è stata avvistata da un cittadino che ne aveva segnalato le vistose macchie di sangue sul piumaggio.

Ci sono volute ore per ritrovarla, nella nebbia della Bassa: le ricerche hanno coinvolto decine di attivisti e cittadini, la Polizia Provinciale di Brescia e le Guardie Ecologiche volontarie. “La Gru presentava una vistosa ferita sul petto – spiega la Gev Emanuela Marzoli, che era presente al momento del ritrovamento – e quando è stata recuperata era in un fosso, accovacciata su di sé, sembrava unao straccio. Se non fosse stato per i tanti cittadini che si sono mobilitati, probabilmente sarebbe pure morta”.

La Gru è stata successivamente consegnata dalle Guardie venatorie del WWF al Centro di recuperao degli animali selvatici della Valpredina, a Cenate Sopra in provincia di Bergamo: il volatile è stato sottoposto a radiografia, e gli esami hanno rilevato la presenza di quattro pallini di piombo del diametro di 3 millimetri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volatile rarissimo (e protetto) preso a fucilate in mezzo alla campagna

BresciaToday è in caricamento