Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca Brescia 2 / Via Pietro Nenni

Al 'Carli' di Brescia al via la sperimentazione del liceo di 4 anni

Iniziativa fortemente contestata dall'Anief: "Si punta dritto alla soppressione di 40mila cattedre, per risparmiare 1.380 milioni di euro"

Brescia, liceo Guido Carli

L'Anief contesta con forza il decreto n. 766 attraverso cui il Ministero dell'Istruzione avrebbe autorizzato il liceo 'Carli' di Brescia a conseguire la maturità con soli 4 anni anziché 5.

Come rilevato dalla rivista specializzata 'Orizzonte Scuola' c'è da preoccuparsi perché - spiega l'associazione - questa "sperimentazione non riguarda una semplice decurtazione del percorso di un anno, ma anche l'avvio di una metodologia che punti a una didattica per competenze, laboratoriale e integrata. Il tutto con lo scopo di accorciare i tempi di apprendimento e consentire di ammortizzare la mancanza del quinto anno".

L'obiettivo cui punta il Miur è quindi, a parere dell'Anief, più che evidente: "creare un precedente per il quale nella prossima estate non potranno che essere tessute le lodi, per puntare dritto alla soppressione di 40mila cattedre. Già il Governo Monti aveva quantificato un risparmio nazionale, attraverso la sparizione di altrettanti docenti oggi impegnati nelle classi quinte di tutte le superiori d'Italia, pari a 1.380 milioni di euro". L'Anief ritiene la sperimentazione attuata nel liceo "davvero pericolosa".

"Proprio oggi - osserva - abbiamo preso conoscenza sul numero di minori di 16 anni costretti a lasciare i banchi di scuola per lavorare: secondo il deputato Gianni Melilla (Sel), che sull'argomento ha presentato un'interrogazione parlamentare sono almeno 260mila i ragazzi a rischio sfruttamento, non solo lavorativo ma anche della criminalità organizzata".

"Quadriennalizzare le superiori - sostiene Marcello Pacifico, presidente Anief - rappresenta l'esatto opposto di quanto uno Stato moderno dovrebbe realizzare: anticipare l'età prescolare, favorire un'offerta formativa adeguata in tutte le aree del paese, puntare a una seria riforma dell'apprendistato, intensificare le esperienze di alternanza scuola-lavoro, migliorare l'orientamento post-diploma, anche per agevolare le iscrizioni ai percorsi di laurea triennali".


"Anziché continuare a varare provvedimenti che hanno solo lo scopo di fare cassa a danno delle nuove generazioni - conclude Pacifico - i nostri decisori politici dovrebbero soprattutto pensare che non è questo il modo per combattere la dispersione scolastica, nelle scuole del Meridione addirittura 10 punti sopra la media Ue e di quasi 15 punti oltre quel 10% massimo da raggiungere entro il 2020. E questo sarebbe il Governo della svolta in fatto di istruzione?".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al 'Carli' di Brescia al via la sperimentazione del liceo di 4 anni

BresciaToday è in caricamento