rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca

Trovato morto accanto alla sua bici: il dramma di Dario, ex campione di mountain bike

Inutili i soccorsi: stava raggiungendo l’abitazione della sorella per il pranzo di Pasqua

È morto mentre era in sella alla sua mountain bike, la passione che gli ha permesso di diventare campione del mondo. Dario Acquaroli, 48enne ex campione di Mountain Bike originario di San Giovanni Bianco e residente a San Pellegrino Terme, in provincia di Bergamo, è morto domenica 9 aprile a Camerata Cornello, sempre nella bergamasca. Acquaroli era atteso dalla sorella per il pranzo di Pasqua: il decesso potrebbe essere stato causato da un malore.

Sul posto è stato inviato dal 118 l'elicottero decollato da Como e il personale del Soccorso alpino. A chiamare i soccorsi sono stati alcuni ciclisti che hanno trovato Acquaroli a terra, accanto alla sua bicicletta, lungo una mulattiera che da Cespedosio porta in paese. Vani i soccorsi.

Campione europeo e del mondo

Quella di Dario Acquaroli è stata una carriera ricca di successi e soddisfazioni. Nato il 10 marzo 1975 a San Giovanni Bianco, è stato uno dei più forti specialisti italiani di sempre nella mountain bike. Il campione aveva firmato il primo contratto da professionista all'età di 16 anni con il team Bianchi; aveva corso 19 mondiali con la Nazionale Italiana tra cross-country e marathon, vincendo 2 titoli europei (1992, 1993) e 2 titoli mondiali. Campione italiano per cinque volte (1992, 1993, 1996, 2000, 2005) correndo con diverse squadre: Team Bianchi, Full-Dynamix e Sintesi Larm. Collare d'Oro al Merito Sportivo dal Coni. Si era ritirato dall'attività di alto livello nel 2008. Dopo era  rimasto nel mondo dello sport con incarichi in Vittoria e, negli ultimi anni come Marketing Manager in Merida.

Fonte: Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovato morto accanto alla sua bici: il dramma di Dario, ex campione di mountain bike

BresciaToday è in caricamento