rotate-mobile
Cronaca

Morto per un malore improvviso in bici: è il giorno dell'addio

L'ex campione di mountain bike stroncato da un infarto

Stroncato da un infarto la mattina di Pasqua, mentre era in sella alla sua fedelissima mountain bike: a dare l'allarme è stata la sorella gemella, che lo aspettava a pranzo per festeggiare in famiglia. Lo hanno trovato ormai senza vita, di fianco alla sua bicicletta, lungo una strada sterrata (una mulattiera) nella zona di Camerata Cornello, in Val Brembana: aveva solo 48 anni, è morto come era morto il suo papà (sempre per un infarto, e alla stessa età).

Chi era Dario Acquaroli

E' questo il triste destino di Dario Acquaroli, originario di San Giovanni Bianco e cresciuto a San Pellegrino Terme, da tempo residente a Curno: volto più che noto del ciclismo italiano, memorabile campione di mountain bike che vanta un palmares di cinque titoli italiani (il primo nel 1992, l'ultimo nel 2005), due europei (nel 1992 e nel 1993) e anche due mondiali (nel 1993 e nel 1996). Nel corso della sua lunga carriera ha indossato le maglie di Team Bianchi, Full-Dynamix e Sintesi Larm.

Conclusa la sua carriera agonistica, non ha mai abbandonato il mondo delle due ruote. Sempre in sella alla mountain bike per pedalate amatoriali o ancora più o meno competitive, ma anche nel lavoro: per tanti anni era nella squadra di Vittoria Italia, dal 2021 nel gruppo di Merida, entrambi marchi conosciuti per la produzione di bici da corsa, mtb e accessori.

Il ricordo della sorella

In tantissimi sono passati a salutarlo per un'ultima volta nella camera ardente allestita a San Pellegrino Terme: è qui che mercoledì mattina, nella parrocchiale del paese, saranno celebrati i funerali. Così lo ricorda la sorella Loredana: "Ciao Dario, sono ancora incredula. Questo nostro legame mi fa percepire un vuoto dentro, come se una parte di me se ne sia andata. Dall'altra parte il cuore mi si è colmato di tutto ciò che eri: mi auguro che la tua umiltà possa essere trasmessa a ciò che ho di più caro, la mia famiglia. Ti voglio e ti vorrò sempre bene".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto per un malore improvviso in bici: è il giorno dell'addio

BresciaToday è in caricamento