Ragazzo fermato con 1.800 euro di droga, il giudice lo rimette in libertà

Un giudice piuttosto magnanimo ha 'graziato' un 23enne camuno

Foto d'archivio

Un 23enne camuno è stato arrestato dai carabinieri di Darfo Boario Terme con l'accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti.

Il giovane è stato fermato per un controllo in strada e trovato in possesso di una modica quantità di droga, poi in casa è stato rinvenuto il resto del 'bottino': in tutto 200 grammi di marijuana, 2 grammi di hashish, bilancini, materiale per confezionare le dosi e 500 euro in contanti, ritenuti provento dello spaccio.

Insomma, il quadro perfetto di uno spacciatore non certo alle prime armi. Così non è perso al giudice, che - dopo aver convalidato il precedente fermo - l'ha subito rimesso in libertà senza nemmeno disporre misure restrittive. I numerosi giorni di indagini dei militari, necessari per incastrare il pusher, hanno portato (per adesso) solamente a un severo rimprovero. Non c'è che dire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • Arrivano una Smart e una Fiat 500, poi lo scambio di droga: arrestato cantante

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Morto l'imprenditore Renato Martinelli: ucciso in tre mesi dalla malattia

Torna su
BresciaToday è in caricamento