Feroce violenza tra le mura di casa: riempie di botte la madre, arrestato ragazzo

Arrestato un ragazzo bresciano di 23 anni: per mesi avrebbe maltrattato e picchiato la madre. Sono stati i fratelli a chiamare aiuto, a margine dell'ultimo violento episodio

Foto d'archivio

E' stato arrestato, finalmente, il ragazzo di appena 23 anni che però da chissà quanto tempo picchiava e maltrattava la madre: dopo l'ennesima lite in casa è stata ricoverata in ospedale per le botte subite, e sono stati gli altri figli della donna a chiamare il 112. I carabinieri sono intervenuti nella loro abitazione di Darfo Boario Terme: hanno interrotto il litigio e permesso alla donna di essere medicata, e arrestato il giovane che ora si trova già in carcere.

Maltrattamenti e lesioni

Maltrattamenti in famiglia e lesioni personali: sono questi i reati che gli contesta la Procura, che ha ricostruito nei dettagli una storia di violenza fisica e psicologica che si sarebbe protratta per mesi. Da una parte la giovane madre, costretta a convivere con l'incubo di un figlio incontrollabile, dall'altra il 23enne, sempre più aggressivo e violento ma senza che ci fosse un motivo legato a dipendenze da alcol o droga.

Era disoccupato, mentre la madre lavorava e teneva insieme la casa: un rapporto difficile che negli ultimi mesi, appunto, si sarebbe deteriorato fino al punto di non ritorno. L'ultimo intervento dei militari ha consentito di ricostruire un quadro probatorio piuttosto chiaro, utile a definire le condotte violente di cui il 23enne era l'unico responsabile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La fine di un incubo

L'autorità giudiziaria ha così emesso un'ordinanza di custodia cautelare: il ragazzo è stato prelevato dai carabinieri e trasferito in carcere a Brescia, a Canton Mombello. Ora si attende il processo, ma almeno l'incubo è finito: insulti, maltrattamenti, calci e pugni. Certo non sarà stato facile per la madre denunciare il proprio figlio. Ma non c'era altra soluzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Bonus auto, via alle prenotazioni: come ottenere l'ecobonus fino a 10mila euro

  • Allarme temporali nel Bresciano: rischio concreto di supercelle

  • Porta una sedia in giardino, gli cade sopra: carotide recisa, muore a 44 anni

  • Tempesta nella notte: frane e fiumi straripati, paese in ginocchio

  • Forti temporali nella notte, allerta meteo anche tra oggi e domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento