Fatture false per 10 milioni di euro: nei guai giovane imprenditore

Denunciato per false fatturazioni e false dichiarazione un giovane imprenditore titolare di un'azienda meccanica a Darfo Boario Terme. In quattro anni avrebbe battuto false fatture per 10 milioni di euro

Imprenditore di origini bergamasche ma titolare di una ditta nel Bresciano è indagato dalla Guardia di Finanza di Pisogne nell'ambito di un'inchiesta su fatture false ed evasione fiscale. Non sono state rese note le sue generalità: B.M. le sue iniziali, 40 anni, titolare di un'azienda meccanica di Darfo Boario Terme.

Le accuse: l'imprenditore è stato denunciato per falsa fatturazione e falsa dichiarazione. I conti non tornano, eccome: sotto la lente degli investigatori un presunto giro di fatture false che si avvicina ai 10 milioni di euro.

All'appello mancherebbero dunque anche 2 milioni di euro di tasse non versate. Per quasi quattro anni, dal 2012 ad oggi, l'imprenditore (titolare di una ditta da una trentina di dipendenti) avrebbe “prodotto” fatture inesistenti, simulando acquisti da aziende o ignare oppure già chiuse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

Torna su
BresciaToday è in caricamento