La follia di un ragazzino: prepara una molotov in garage, poi la lancia in strada

Fortunatamente la bottiglia-bomba non è esplosa. Il ragazzo, un 16enne, è stato arrestato

Foto d'archivio

Dalle rapine alla fabbricazione di un ordigno ‘casalingo’, potenzialmente in grado di causare ingenti danni. È la parabola criminale di un ragazzino di soli 16 anni: originario della provincia di Milano, da qualche tempo è ospite di una comunità di accoglienza della Valcamonica. 

Così aveva infatti stabilito il giudice del Tribunale dei minori: membro di una baby gang, dedita alle rapine ai danni di coetanei dell'hinterland milanese, il giudice aveva deciso che il 16enne fosse trasferito altrove, e in una struttura adatta al suo recupero.

Il provvedimento non è però bastato. Il giovanissimo, che si sarebbe fin da subito mostrato insofferente alla misura restrittiva, si è reso protagonista di un episodio che avrebbe potuto avere anche gravi conseguenze. Stando a quanto ricostruito dai carabinieri di Darfo Boario Terme, la scorsa settima ha forzato la porta del garage della comunità per poi prevalere una tanica di benzina.

Il liquido infiammabile è stato utilizzato per riempire una bottiglia e fabbricare una molotov artigiane, che ha poi lanciato in strada. Per fortuna qualcosa è andato storto: l’innesco non ha funzionato e l’ordigno non è esploso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tempestivamente allertati, i carabinieri della Stazione di Darfo Boario Terme hanno effettuato tutti gli accertamenti necessari a stabilire le responsabilità del minore, che è finito in manette. E il giudice, preso atto della gravità dell'episodio, ha deciso di inasprire il provvedimento restrittivo: per lui ora si sono spalancate le porte del carcere minorile Beccaria di Milano.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Terribile incidente: precipita elicottero, morto dirigente d'azienda

  • Coronavirus, 177 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento