Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Chiesa Nuova / Via Padova

Ambiente, è allarme rosso: cromo VI in falda 36.600 volte sopra il limite di legge

L'allarme lanciato al Museo di Scienze Naturali: qualcosa non funziona nei sistemi di bonifica e di difesa. Alla Baratti-Inselvini (Chiesanuova) le concentrazioni di cromo VI sono 36mila volte oltre il limite di legge

Non ci sarebbero danni immediati sulla popolazione: nell'acqua di falda le concentrazioni dovrebbero diluirsi, e comunque non raggiungere l'acqua ad utilizzo umano. Ma la quota esagerata di cromo esavalente fa preoccupare anche i tecnici. Compreso il commissario straordinario per la Caffaro Roberto Moreni, che infatti ha definito il caso della Baratti-Inselvini “ancora peggio della Caffaro, con un livello di inquinamento enorme e preoccupante”.

A quanto pare qualcosa non funziona. Nel 2012 si era registrato il picco massimo, circa 690mila microgrammi per litro d'acqua, nel 2009 si viaggiava costanti intorno ai 200mila. Passato qualche anno, la concentrazione si è abbassata ma di poco, di pochissimo: è ancora 36mila volte oltre il limite.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambiente, è allarme rosso: cromo VI in falda 36.600 volte sopra il limite di legge

BresciaToday è in caricamento