Arrestato comandante di Polizia Locale, nei guai due funzionari comunali

L'inchiesta della Procura di Brescia, conivolti Cazzago San Martino e Bagnolo Mella

Foto d'archivio

I Carabinieri della Compagnia di Verolanuova hanno eseguito una misura cautelare, emessa dal GIP di Brescia su richiesta della Procura, nei confronti di due funzionari comunali, uno di Cazzago San Martino e l'altro di Bagnolo Mella, ritenuti responsabili di abuso d’ufficio e falso ideologico in atto pubblico. Nell’ambito del medesimo procedimento, una terza misura è stata eseguita dalla Polizia Locale di Montichiari.

Le indagini dirette dalla Procura di Brescia e condotte dai carabinieri di Verolanuova hanno consentito di raccogliere "univoci e concordanti indizi di colpevolezza" - scrive il Comando provinciale dei carabinieri di Brescia - riguardanti reati di abuso d’ufficio e di falso ideologico in atto pubblico, commessi nello svolgimento del concorso pubblico per l’incarico direttivo di Comandante della Polizia Locale del Comune di Bagnolo Mella, indetto nell’ottobre 2018. Autori dei reati sarebbero stati i due membri della commissione esaminatrice, destinatari della misura, col fine di favorire uno dei concorrenti, poi risultato vincitore e anch’esso colpito dall’ordinanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel dettaglio, a finire nei guai sono stati l'attuale comandante della Locale di Cazzago San Martino, all’epoca membro esterno della commissione, ora agli arresti domiciliari; il segretario del Comune di Bagnolo Mella, all’epoca presidente della commissione, sottoposto all’obbligo di dimora; infine, il responsabile Posizione Organizzativa della Locale di Bagnolo Mella all’epoca concorrente (e poi vincitore) del concorso: è stato sottoposto all’obbligo di dimora dalla Polizia Locale di Montichiari. Risulta invece indagato a piede libero il sindaco di Bagnolo Mella Cristina Almici, esponente di Fratelli d’Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Colpo di pistola in Commissariato: agente muore dopo il trasporto in ospedale

  • Abbandonata dal marito, chiedeva l'elemosina in paese, è stata uccisa dal figlio che avrebbe dovuto proteggerla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento