rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Cronaca Darfo Boario Terme

Folle lite per una sigaretta, operaio accoltellato: in manette un collega

Ambulanza e carabinieri sul lago

Folle litigio, operaio accoltellato all'addome per una sigaretta accesa: arrestato il suo collega (e compagno di stanza). E' la cronaca di quanto accaduto sabato sera in un albergo di Costa Volpino, sul lago d'Iseo. Nella stessa stanza c'erano due operai di origini ucraine, di 50 e 59 anni, entrambi dipendenti di un'azienda di Darfo Boario Terme e in trasferta sul Sebino per motivi di lavoro.

La folle lite per una sigaretta

Tra i due si sarebbe scatenata una lite furibonda per via di una sigaretta accesa (almeno questa sarebbe le versione su cui indagano i carabinieri). E così il più giovane dei due, 50 anni, a quanto pare in preda ai fumi dell'alcol avrebbe estratto un coltello e colpito all'addome il collega, poi accasciato a terra in un bagno di sangue.

A dare l'allarme sarebbe stato un altro collega, vicino di stanza, spaventato dalle urla. In pochi minuti sul posto, oltre ai soccorsi, anche i carabinieri: il 59enne ferito è stato medicato e poi trasferito d'urgenza al Civile, in elicottero. La buona notizia è che a seguito dei primi accertamenti non sarebbe in pericolo di vita.

Il 50enne è stato invece arrestato dai carabinieri: i militari l'hanno accompagnato in caserma a Costa Volpino dove è rimasto per tutta la notte, fino al trasferimento la mattina seguente in carcere a Bergamo, in attesa della convalida. Potrebbe essere accusato di tentato omicidio, oppure di lesioni gravissime.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Folle lite per una sigaretta, operaio accoltellato: in manette un collega

BresciaToday è in caricamento