Cronaca Orzinuovi

Suona il clacson, poi la violenta lite: la spinge a terra e le rompe la faccia

E' stata condannata a 4 mesi di reclusione la donna di 42 anni, residente a Orzinuovi, che nel novembre del 2015 avrebbe aggredito una 47enne

Foto di repertorio

I fatti risalirebbero al novembre del 2015: quel giorno, sulla Strada provinciale 38 in territorio di Corte de' Frati, provincia di Cremona, marito e moglie (residenti a Orzinuovi) avrebbero aggredito tre persone per uno screzio legato a questioni di viabilità. Sono entrambi finiti a processo: l'uomo, 50 anni, è stato assolto, mentre la donna 42enne è stata invece condannata a 4 mesi di reclusione (pena sospesa).

Quanto accaduto è stato prima ricostruito dalle forze dell'ordine e poi anche in sede processuale. Secondo l'accusa, il marito e la moglie avrebbero aggredito una donna di 47 anni, poi finita in ospedale, la sorella e il fidanzato: i tre stavano pattinando con i rollerblade sul ciglio della strada, quando i coniugi bresciani stavano transitando in auto. Marito e moglie avrebbero prima suonato il clacson, e poi sarebbero scesi dal mezzo per rispondere alla (presunta) piccata replica della 47enne.

Spintonata a terra, naso fratturato

La stessa sarebbe stata poi spintonata a terra, procurandosi una frattura al naso (con prognosi di 30 giorni): sarebbe stata spinta dalla 42enne bresciana, ma originaria di Soncino, che in tribunale ha invece raccontato di non averlo fatto volontariamente, ma perché si sarebbe sentita male. E' stata inoltre accusata di averle sputata addosso.

Anche la sorella della vittima sarebbe stata spintonata e fatta cadere a terra, ma con lievi conseguenze. La vicenda giudiziaria, come detto, si è conclusa con l'assoluzione del marito e la condanna della donna: dovrà anche risarcire la 42enne rimasta ferita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suona il clacson, poi la violenta lite: la spinge a terra e le rompe la faccia

BresciaToday è in caricamento