Cronaca Corte Franca

Shopping con denaro falso: figlioletto usato per rassicurare i negozianti

Dalla Franciacorta in trasferta in provincia di Cremona per spendere banconote false. Il figlio della coppia era una presenza fissa, veniva sfruttato per non insospettire.

Partivano da Corte Franca a bordo della loro auto per una gita in provincia di Cremona, dove facevano la spesa in diversi negozi prima di far ritorno in Franciacorta con il baule pieno. Una coppia di bresciani è finita nei guai dopo essere stata bloccata fuori da un negozio di alimentari dove aveva appena pagato la spesa con banconote false. 

A mettere i carabinieri sulle tracce della coppia sono stati gli avvistamenti della Hyundai Tucson a bordo della quale si muovevano i due bresciani, sempre accompagnati dal figlio di dieci anni. Dopo il collegamento delle forze dell’ordine tra l’automobile e gli episodi di spaccio di banconote - avvenuti tutti in provincia di Cremona - non è stato difficile per i carabinieri cogliere sul fatto la coppia. 

Il fermo è avvenuto giovedì sera all’esterno di un negozio di alimentari di Soresina. Non appena i tre sono usciti, i militari li hanno perquisiti. La spesa era stata pagata con una banconota da 10 euro falsa, alcune banconote erano nel portafogli dell’uomo, e altre nascoste sotto il portacenere della vettura. Nell’abitazione della coppia sono state scovate complessivamente 28 banconote da 10 euro e 2 da 100 euro. Indagini sono in corso per cercare di capire la provenienza del denaro, e cercare di scoprire dove sia stato speso fino ad ora. Il processo per i due franciacortini (in arresto) è fissato per il 19 gennaio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Shopping con denaro falso: figlioletto usato per rassicurare i negozianti

BresciaToday è in caricamento