Pestato a sangue per il suo iPhone, inseguito con gli amici fin sotto casa

Un'altra aggressione a Brescia, questa volta in pieno centro: in Corso Palestro presi di mira tre ragazzi tra i 17 e i 20 anni, uno di loro preso a pugni in faccia per lo smartphone

Forse una nuova baby gang pronta a terrorizzare i coetanei, in pieno centro a Brescia. Solo un paio di giorni fa l'ultima aggressione: le vittime sono tre giovanissimi, di età compresa tra i 17 e i 20 anni, ad avere la peggio un ragazzo di origini cinesi ma di nazionalità italiana. Avrebbe riportato tagli e ferite al volto, tornato a casa in una pozza di sangue. Lo scrive il Giornale di Brescia.

Tutto è successo in pieno centro, in particolare in Corso Palestro. Qui i tre giovani, che hanno raccontato di essere fermi e impegnati a guardare un video dell'NBA sullo smarthpone, sono stati avvicinati dal gruppo dei quattro bulletti: probabilmente tutti italiani, tra di loro anche un ragazzo di colore e uno di origini filippine, e pure una ragazza bionda.

Si sono avvicinati, ai tre hanno chiesto una sigaretta: ma la domanda era solo un pretesto. Cominciano a infastidire il ragazzino con gli occhi a mandorla, lo accerchiano e lo mettono al muro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Cadavere ritrovato nel lago d'Iseo: forse è la giornalista Rosanna Sapori

  • Le lacrime per mamma Laura, stroncata da un tumore a soli 38 anni

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

  • Stroncata dalla malattia in poco tempo, mamma Michela muore a 43 anni

  • Nel Bresciano il primo Porsche Experience Center d'Italia (da 26 milioni)

Torna su
BresciaToday è in caricamento