"I cuochi hanno il coronavirus": individuato chi ha dato il falso allarme al ristorante sushi

Medici in tuta bianca fuori dal ristorante (fonte Facebook)

"Due cuochi cinesi hanno il coronavirus": è un ragazzo pakistano di 28 anni il responsabile del falso allarme che, in un ristorante sushi di Castiglione delle Stiviere, aveva causato l'intervento di carabinieri e medici sopraggiunti sul posto con un'unità speciale, indossando mascherine e tute bianche asettiche.

Dagli accertamenti dei militari, è poi emerso che i cuochi non solo stavano bene, ma che nessuno dei due era tornato in patria dopo lo scoppio dell'epidemia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ragazzo è stato denunciato per procurato allarme. E' un ex lavoratore del ristorante, non si esclude che volesse vendicarsi di qualche (a suo dire) torto subito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • Tragico gesto estremo: giovane uomo muore suicida a 38 anni

  • Scoppia la tv, la casa si riempie di fumo: donna muore tra le braccia della figlia

  • Positivo al coronavirus: altra classe in quarantena, tampone per tutti i compagni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento